… Nei suoi paesaggi, i confini fra realtà e invenzione

“… Nei suoi paesaggi, i confini fra realtà e invenzione sono sempre incerti. Cordua muove dal territorio che gli è più familiare – Golfo di Napoli , le isole, la Costa d’Amalfi – ma poi cede alla tentazione di costruire il “suo” paesaggio, quello che nasce dal cuore Napoletano del pittore. Perchè Cordua rimane sopratutto un artista legato alla cultura e alle tradizioni della sua terra.Questo vuol dire che la sua pittura affonda le radici in quella figurazione che ha
esaltato il nostro Sud …

 

Tommaso Paloscia
La Nazione, 1986

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *