Lotta all’AIDS Palazzo Pirelli

Dal 16 al 30 settembre lo Spazio Eventi del Palazzo Pirelli ospita la mostra “Qualcosa in più della speranza“. La rassegna – realizzata grazie ad una collaborazione tra Regione Lombardia e l’Associazione ‘Arte e Vita’ – raccoglie 18 dipinti del maestro Carlo Cordua dedicati alla lotta all’Aids.
Le opere invitano a riflettere su questa malattia, sulla sua diffusione e sulla necessità di combatterla attraverso l’informazione e la prevenzione. Cordua descrive attraverso la metafora arborea il ciclo della malattia: dalla primavera dell’innocenza all’estate dell’incoscienza, dall’autunno della scoperta all’inverno della solitudine e del declino. Oltre le stagioni, però, resta l’orizzonte della speranza.
“Questa mostra di Carlo Cordua che Regione Lombardia ha il piacere di ospitare a Palazzo Pirelli – ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni nella conferenza stampa che ha preceduto l’inaugurazione – è un evento culturale importante, non solo per il valore delle opere ma anche per il profondo messaggio sociale che queste veicolano: contro l’Aids, uno dei grandi mali del nostro tempo, non dobbiamo mai abbassare la guardia”.
“La ricerca – ha proseguito Formigoni – negli ultimi anni ha fatto grandi passi in avanti ma questo non deve distoglierci dalla consapevolezza che, a tutt’oggi, l’Aids è un problema grave, che non deve essere sottovalutato”. Secondo una recente stima nella città di Milano ci sono tre nuovi contagi al giorno.
“La mostra – ha detto ancora il presidente – è proprio un contributo a non fare calare al’attenzione. L’arte è in grado di dare un messaggio universale. Cordua ha saputo usare l’arte per parlare di HIV con sensibilità, allontanandosi dagli eccessi e puntando invece sulla consapevolezza”.
“Occorre – ha concluso Formigoni – combattere una battaglia comune, su più fronti, che coinvolga i mondi dell’assistenza ospedaliera, della formazione professionale, della farmaceutica, dell’associazionismo, del volontariato, della cooperazione internazionale, dell’arte e della cultura”.
L’esposizione è già stata ospitata presso la Camera dei Deputati nel maggio di quest’anno, sotto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Comune di Roma e della Fondazione Mondiale Prevenzione e Ricerca Aids, presieduta dal Premio Nobel Luc Montagnier.
Lo stesso Montagnier ha partecipato, insieme a Formigoni, alla presentazione e all’inaugurazione della mostra, sottolineando che, se è vero che l’epidemia è oggi più limitata che in passato, aumenta però il numero delle donne e dei giovani contagiati. “Tra i più giovani – ha detto il premio Nobel – è considerato normale cambiare molti partner e questo favorisce la diffusione non solo dell’AIDS ma anche di altre malattie come sifilide, gonorrea, herpes, ecc. E’ necessario quindi lanciare campagne di responsabilizzazione per dire ai ragazzi che i contatti sessuali non sono un gioco”.
Partner dell’evento anche il pontificio Consiglio Salute del Vaticano, rappresentato oggi dal sottosegretario Mons. Jean Marie Mpendawatu, che ha sottolineato l’impegno della Chiesa per prevenire la diffusione del virus soprattutto nei Paesi più poveri, puntando sull’educazione ai valori della vita, dell’amore e della sessualità responsabile.
Presenti anche Mario Benotti (direttore generale Rai International), Margherita Enrico (presidente Associazione ‘Arte e Vita’), l’artista Carlo Cordua e Mara Maionchi (produttrice discografica).

ARTE AL PIRELLI – L’allestimento a Palazzo Pirelli della mostra “Qualcosa in più della speranza” si inserisce nel percorso – avviato a dicembre 2009 con l’evento espositivo “La Regione dà luce all’arte – Scoperte e riscoperte del Patrimonio artistico della Lombardia” – volto a fare del capolavoro di Gio Ponti, vera e propria opera d’arte, un contenitore di altre opere d’arte.
Alla mostra “Dipinti lombardi dal Rinascimento al Barocco” e all’Artbox che l’ha affiancata – visitati da 12.000 persone dal 3 dicembre 2009 al 25 aprile di quest’anno – è seguita la rassegna “Marino Marini – Segno e colore nell’opera grafica” (26 maggio – 8 agosto), mentre altri eventi culturali coinvolgeranno la sede della Regione Lombardia nei prossimi mesi.

SCHEDA – La mostra è organizzata da Regione Lombardia in collaborazione con l’Associazione ‘Arte e Vita’.

“Qualcosa in più della speranza”

– Palazzo Pirelli (via Fabio Filzi, 22 – Milano)
16 settembre – 30 settembre 2010
Spazio Eventi – primo piano

 

Regione Lombardia